Donatella Rettore Malattia

Donatella Rettore Malattia, Donatella Rettore afferma di essere diventata una specialista della salute “per convinzione e necessità. Con la sua salute in pericolo, la famosa cantante ha parlato al quotidiano Corriere di come il suo stile di vita sia cambiato a causa delle sue lotte.

Donatella Rettore Malattia
Donatella Rettore Malattia

“Sono un po’ trasandato”, ammetto. Un anno fa mi ha attaccato una neoplasia maligna e ho dovuto sottopormi a due interventi per rimuoverla. Di conseguenza, mi è stata diagnosticata l’anemia talassemica e ora devo fare trasfusioni di sangue su base biennale. “Sono vegetariano”, dici.

Questo è quello che preferisco consumare. Mi piace mangiare ciò che la natura ha da offrire”. Quando si tratta di cuocere al vapore le verdure, faccio di tutto. “Uno stile di vita molto sano è anche perché la malattia altera la tua vita e le tue percezioni”, continua. “Adoro le carote fresche e asparago.”

A causa del suo stile di vita all’avanguardia, il cantante di “Spendido Splendentelead” è diventato un individuo attento alla salute. «Un anno fa sono stata assalita da un tumore maligno e ho subito due operazioni», ha ammesso Donatella Rettore in una recente intervista al Corriere della Sera.

Di conseguenza, mi è stata diagnosticata l’anemia talassemica e ora devo fare trasfusioni di sangue su base biennale. Mangio solo cibi a base vegetale. Per me è importante consumare il cibo nella forma in cui è stato creato. Quando si tratta di cuocere le verdure, faccio di tutto. Le carote e gli asparagi sono due delle mie verdure preferite, soprattutto quando sono crude. La malattia ha un effetto profondo sulla tua vita e sul modo in cui vedi il mondo che ti circonda”. Un’ospite di Domenica In ha rivelato di soffrire di talassemia da alcuni anni all’inizio del 2020.

Per quanto riguarda il mio sistema immunitario, devo essere cauto”, ha spiegato. La mia vita era in pericolo nel 1992. “Ero regolarmente afflitto da emorragie gastrointestinali e renali. Mentre mi preparavo a partire, qualcosa ha attirato la mia attenzione tra i capelli. Dopo aver letto questo, ho avuto una voglia opprimente di reclamare la mia vita.

Donatella Rettore Malattia
Donatella Rettore Malattia

La cantante aveva 29 anni quando ha saputo di avere la condizione. Da allora, il 66enne cantante veneto ha sopportato un lungo calvario, insieme al timore che la situazione si deteriori da un momento all’altro.

Un anno fa mi è stato diagnosticato un tumore maligno e ho subito due interventi chirurgici. Le trasfusioni di sangue sono necessarie ogni sei mesi per i malati di talassemia, ma sta diventando sempre più difficile. Mangio solo cibi a base vegetale.

Per me è importante consumare il cibo nella forma in cui è stato creato. Quando si tratta di cuocere le verdure, faccio di tutto. Le carote e gli asparagi sono due delle mie verdure preferite, soprattutto quando sono crude. La malattia altera la tua visione della vita e del mondo che ti circonda.

Donatella Rettore è una delle artiste italiane più importanti e versatili, ma quello che molti non sanno è che è stata spesso in anticipo sui tempi quando si tratta di temi delicati ed essenziali.

La sua carriera è decollata rapidamente, attirando l’attenzione non solo dei suoi concittadini, ma anche di quelli di tutto il mondo. L’ironia e la spregiudicatezza hanno sempre fatto parte del suo stile di songwriting, che l’ha portata a essere considerata un’artista d’avanguardia.

Oltre alle sue apparizioni al cinema e in televisione, possiamo considerare le sue esibizioni sul palco come veri e propri spettacoli, dimostrando che era più di una semplice musicista.

Donatella Rettore, icona della musica italiana riconosciuta a livello internazionale, non smette mai di stupire. Anche ora, il cantante di classici come Splendido Splendido, Kobra e Lamette ha il potere di ispirare generazioni di giovani.

Donatella Rettore Malattia
Donatella Rettore Malattia

Il Rettore ha preso parte negli anni ad alcuni dei più prestigiosi concorsi canori italiani, tra cui il Festival di Sanremo e il Festivalbar, portando sempre in scena il suo caratteristico atteggiamento di ribellione e determinazione.