Alighiero Noschese Causa Morte

Alighiero Noschese Causa Morte, Sempre a Napoli, frequentò l’Istituto Pontano e completò gli studi classici, quindi entrò nella facoltà di giurisprudenza, dove fu allievo di Giovanni Leone, che rimase colpito dalla maestria del giovane allievo della sua imitazione e gli chiese di ascoltarla .

Noschese, un giovane, avrebbe superato due esami orali in filosofia del diritto e diritto ecclesiastico parlando con la voce di Amedeo Nazzari al primo esame e Tot al secondo. L’iniziativa goliardica si è svolta senza intoppi e non ha alzato nessuna bandiera rossa.

Alighiero Noschese Causa Morte
Alighiero Noschese Causa Morte

La consacrazione a protagonista dello spettacolo arriva però nel 1969, grazie alla partecipazione di Alighiero Noschese al varietà televisivo del sabato sera Doppia coppia, che gli permette di impersonare personaggi politici, cosa che in televisione prima era stata vietata.

L’appoggio di Giovanni Leone, futuro Presidente della Repubblica, che aveva già insegnato Noschese alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Napoli, sembra essere stato determinante.

Con l’aiuto di Marco Ciarmatore, imitatore e cantante romano noto come “Marcolino il piccolo animatore”, Alighiero Noschese ha saputo fare satira in modo sottile e mai volgare, creando gag e battute pungenti. Alighiero Noschese è stato influenzato dallo stile di Marco Ciarmatore.

Non era, tuttavia, il tipo di satira politica spietata che ci si aspetterebbe da lui, ma piuttosto una serie di caricature abilmente eseguite di un certo numero di personaggi famosi. Fregoli delle voci era un soprannome che gli era stato dato per la capacità di imitare le voci di tutti coloro con cui veniva in contatto.

Dino Verde, noto sceneggiatore napoletano, ha scritto le opere di Noschese. La famosa truccatrice Ida Montanari era responsabile della sua inquietante somiglianza fisica con personaggi di fantasia.

Con un volto capace di imitare personaggi del calibro di Giulio Andreotti, Amintore Fanfani e molti altri personaggi, il talento speciale di Nosches lo ha reso un amato imitatore italiano tra gli anni Sessanta e Settanta.

Quando si separò dalla moglie nel 1974, era nel bel mezzo di un periodo di successo senza precedenti. Si decide che il previsto ritorno in Rai per il 1978 non avverrà a causa del rapimento di Aldo Moro: nessuno vuole più ridere a spese delle imitazioni politiche.

L’effetto cumulativo di tutto ciò è quello di compromettere gravemente il suo equilibrio mentale e la salute fisica.

Un grave esaurimento nervoso e una crisi depressiva portarono Noschese all’ospedale di Roma il 3 dicembre 1979, nello stesso momento in cui Giulio Andreotti fu ricoverato per un intervento chirurgico alla cistifellea a Villa Stuart.

Alighiero Noschese Causa Morte
Alighiero Noschese Causa Morte

Potete aspettarvi di vedere stasera il protagonista dello spettacolo: Alighiero Noschese. Alla fine degli anni Sessanta è l’unico in Italia in grado di mimare voci, movimenti e peculiarità dei personaggi politici.

I suoi imitatori potrebbero affermare di essere veramente famosi in quel periodo. Direttori d’orchestra, giornalisti e cantanti sono tra le sue vittime.

Per tutti i primi anni ’70, è rimasto una forza dominante nell’industria musicale. Finalmente, con la Rai, succede qualcosa di irrevocabile. Anche la sua vita personale, così come il suo lavoro in Viale Mazzini, va in pezzi senza di lui. A causa del divorzio dalla moglie, i suoi due figli sono ora separati.

Pertanto, il sé pubblico e privato di Noschese sono separati. Non è più ammirato dagli altri e la sua famiglia si è dispersa. Ha avuto un grande successo, ma sta ancora cercando di rimettere in sesto la sua vita. Dopo una breve rianimazione in alcune reti private, nel 1978 viene ricontattato dalla Rai.

Tutto è pronto, ma il sipario non cala. Nessuno può ridere del rapimento di Aldo Moro il 16 marzo 1978. Gli viene inflitta l’ennesima battuta d’arresto quando il suo ritorno viene posticipato.

Quando Giulio Andreotti si svegliò dall’anestesia per l’operazione alla cistifellea, fu come se non si fosse mai svegliato. A Villa Stuart, in via Trionfale a Roma, c’è stato un putiferio dopo l’attentato al leader della Democrazia Cristiana.

Armandosi di pistole, hanno perquisito l’intero edificio alla ricerca di potenziali intrusi.

Poi di nuovo, non è quello che intendevo. Fu sparato un colpo da una piccola grotta adiacente alla cappella dell’ospedale romano, e Alighiero Noschese, l’uomo dai cento volti e dalle mille voci, giaceva morto in una pozza di sangue ai piedi della Madonna.

Alighiero Noschese Causa Morte

Si è tolto la vita all’età di 47 anni per ragioni che rimangono un mistero e hanno generato innumerevoli teorie, alcune delle quali assurde.