Ilaria Alpi Figlio

Ilaria Alpi Figlio, È stato riconosciuto colpevole del duplice omicidio del cittadino somalo Hashi Omar Hassan nel 2000 e condannato a 26 anni di carcere a seguito del processo e della condanna.

Il suo processo a Perugia, in Italia, si è concluso con un verdetto di non colpevolezza dopo aver scontato più di 17 anni di carcere. A seguito della decisione del tribunale nell’ottobre 2016, Hassan ha ricevuto più di tre milioni di euro di risarcimento per la sua ingiusta detenzione.

Ilaria Alpi Figlio
Ilaria Alpi Figlio

Nel 2007 è andato in scena il periodo natalizio, “Il suo premiato esordio al teatro civico del monologo Premio Ilaria Alpi, che è stata una rievocazione del caso Ilaria e Miran. In Radio 2 Caterpillar di Radio 2 Caterpillar, Marina Senesi interpreta il ruolo del Caterpillar e funge anche da voce del bruco.

Il palcoscenico è stato allestito per il mio lavoro quando don Luigi Ciotti mi ha chiesto di partecipare alla “XVI Giornata della Memoria e dell’Impegno contro la Mafia” e alla “Giornata Nazionale della Libera” nel 2011. Nella lotta alla mafia è fondamentale avere a portata di mano nomi, affiliazioni e numeri di telefono.

Il 20 marzo, a Trieste, in Italia, saranno passati 20 anni da quando suo padre si ritirò dalle riprese del mondo, lasciandosi alle spalle un futuro incompiuto in cui, chissà, avrebbe potuto eventualmente abbandonare gli scenari di guerra per entrare a far parte della National Geographic Society.

La passione politica e l’entusiasmo per il lavoro che va oltre il semplice timbrare il cartellino per impegnarsi genuinamente a realizzare qualcosa di utile per la società sono anche tramandate a me, secondo mia madre, insieme alle sue “molte emozioni facciali”.

La nostra grande voglia di vedere il mondo nasce dal crescere in una città di confine come Trieste, dove era necessario varcare il confine anche per beni di prima necessità come la benzina.

Quindi, per favore, permettetemi di presentarmi. Mi chiamo Mohammed Husayn Alasow e vorrei presentarmi. Il mio compleanno è il 31 dicembre 1963 e sono nato nell’anno 1963. Quando Ilaria e Miran furono assassinate, anch’io lavoravo nell’albergo dove furono uccise loro.

Oltre a guidarli, ero disponibile ad aiutare con le esigenze dell’hotel. Ho deciso di mettermi in affari per conto mio. Quando ne ho l’opportunità, mi diverto a guidare sia automobili che motocicli “…..

Ilaria Alpi Figlio
Ilaria Alpi Figlio

L’unico modo per evitare di essere colpito era sdraiarmi a terra. Nonostante fossi sdraiato a terra, ho mantenuto lo sguardo fisso sull’area in cui si stava svolgendo la battaglia, anche se ero a terra. Ero solo a circa 40 metri dall’azione. (…)

Ha potuto viaggiare in Medio Oriente con relativa facilità perché si è laureato in Lingue e Letterature Arabe presso l’Istituto di Lingue Orientali dell’Università La Sapienza di Roma.

Nelle sue lettere a “Paese Sera”, ha esplorato la cultura egiziana, nonché la situazione economica e politica del paese al momento delle lettere. I paesi del mondo arabo sono stati descritti in una luce unica in quei testi che hanno continuato a risuonare fino ad oggi.

Ilaria non potrà mandare in onda il servizio perché sovraccarica di altri impegni. Dopo aver trascorso la notte precedente con Miran al Sahafi Hotel, a causa di una telefonata sono stati invitati a correre all’Hamana Hotel.

Il motivo della sua partenza frettolosa, così come l’identità della persona che avrebbe incontrato, rimangono un mistero.

Solo pochi mesi dopo il giudice pre-accusa di Roma, Andrea Fanelli, ha respinto per la seconda volta l’istanza di archiviazione, ordinando un nuovo giro di indagini per approfondire altri 12 punti controversi.

Giovedì è stato annunciato che il direttore dell’Aisi era stato chiamato a testimoniare, in gran parte in risposta alle richieste di coloro che avevano subito un torto, compresi i parenti di Ilaria e Fnsi, oltre a Usigrai e Odg, che erano particolarmente preoccupati per ” la persistenza del segreto” nei confronti di un informatore citato in una nota Sisde del 1997. Tuttavia, ciò non è ancora avvenuto.

Ilaria Alpi Figlio

Faremo in modo che i riflettori su questo efferato crimine non si spengano mai chiedendo al Parlamento di istituire una nuova commissione d’inchiesta e presentando ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo. Ciò è in linea con la promessa fatta a Luciana e Ilaria e alla madre di Miran Luciana e portata avanti oggi con il ricordo costante di Ilaria e Miran.