Angelo Branduardi Vita Privata

Angelo Branduardi Vita Privata, La sua musica divenne popolare non solo in Italia, ma anche in altre nazioni del mondo. Inoltre ha prodotto colonne sonore per film come State good if you can di Luigi Magni, uscito nel 1983, e per programmi televisivi come I Simpson.

Angelo Branduardi Vita Privata
Angelo Branduardi Vita Privata

In riconoscimento dei suoi successi, gli vengono assegnati il ​​Premio David di Donatello per il miglior musicista e il Nastro d’Argento per la miglior colonna sonora. Di conseguenza, nel mondo musicale viene chiamato “il menestrello”.

Abile scrittrice, è responsabile di molti dei testi più famosi di suo marito, che ha scritto lei stessa. Fu attraverso di loro che nacquero le due figlie della coppia, Sarah e Maddalena. Una bella canzone, “Song for Sarah”, è stata scritta in onore dell’occasione dal cantautore, e continua a risuonare nella mente e nelle emozioni di chiunque abbia deciso di diventare genitore.

Lei, invece, condivide la passione per la musica dei suoi genitori diventando lei stessa musicista.

Angelo Branduardi è nato il 12 febbraio 1950 a Cuggiono, in provincia di Milano, ed ha 72 anni. È figlio di Angelo Branduardi e Maria Branduardi.

È nato da Angela e Angelo Branduardi come loro figlio. Tuttavia, nonostante i cantautori di famiglia siano nati in un paesino della provincia della città lombarda, si sono trasferiti nella città di Genova solo pochi mesi dopo la nascita del loro primo figlio.

Grazie all’attività del padre, Branduardi si interessò alla musica e alla fine entrò in contatto con la scuola di cantautori locali, che all’epoca era una delle realtà più vivaci della zona. Cantautori internazionali come Donovan e Cat Stevens, d’altra parte, hanno avuto un enorme impatto sulle sue capacità musicali.

Il padre è un fanatico della musica che ama ascoltare un’ampia varietà di generi e stili musicali. Poiché Branduardi conosce già l’ambiente musicale della scuola di compositori di Genova, l’atmosfera musicale della scuola servirà da stimolo sostanziale per i suoi sforzi artistici in futuro.

Anche la musica dall’altra parte della Manica ha avuto un impatto su di lui, al punto che Donovan e Cat Stevens sono ancora considerati idoli musicali, nonostante il passare del tempo.

Ritornò con la moglie e le figlie nella sua città natale, Cuggiono, l’anno successivo, nel 1976, e vi rimase fino al 1982. Compose l’album Alla fiera dell’est, uscito nel 1977 e vincitore del Premio della critica discografica italiana che anno, ha avuto un periodo di grande successo commerciale e di critica durante questo periodo.

È stata definitivamente consacrata in ogni modo. Più tardi, nello stesso anno, compare nella prima puntata del programma musicale Auditorio A, in cui esegue l’intero album nella sua interezza (Rai2).

Angelo Branduardi Vita Privata
Angelo Branduardi Vita Privata

Una canzone chiamata Angelo Branduardi è stata la prima opera pubblicata da Branduardi come autore, ed è stata pubblicata nel 1974 come singolo estratto dall’omonimo album.

Questo soprannome gli è stato dato per il suo desiderio di creare un nuovo genere musicale che fondesse la musica antica (in particolare brani medievali e rinascimentali) con la musica popolare tradizionale, le tradizioni celtiche e nord-europee, e fu ispirato a farlo dal suo desiderio di fondono la musica antica (in particolare brani medievali e rinascimentali) con la musica popolare tradizionale, le tradizioni celtiche e nord-europee.

Con l’uscita di Alla fiera dell’est nel 1976, ha potuto avviare la sua carriera professionale.

Con l’obiettivo di intraprendere la carriera di violinista professionista, si dedicò allo studio del violino, diplomandosi al Conservatorio di Genova all’età di sedici anni, ancora nella prima adolescenza. I suoi studi di chitarra continuano e, di conseguenza, inizia a scrivere i suoi primi scritti sulla chitarra.

Uno degli incontri più importanti nella vita del cantautore è stato con l’arrangiatore inglese Paul Buckmaster, con il quale collaborerà al suo primo album progressivo, Angelo Branduardi, che uscirà a novembre.

Le sue sperimentazioni con suoni che unissero componenti tradizionali della musica etnica straniera con elementi popolari o, ancora, con armonie rinascimentali e barocche iniziarono tra il 1975 e il 1979, quando iniziò a collaborare con il polistrumentista Maurizio Fabrizio, che lo accompagnava su vari strumenti.

Nato il 12 febbraio 1950 a Cuggiono, in provincia di Milano, Angelo Branduardi è cresciuto a Genova, dove si è trasferito con la famiglia all’età di tre mesi. Era figlio di Angelo Branduardi e di sua moglie, Giulia Branduardi, ed ebbero tre figli.

Suo padre gli ha instillato l’amore per la musica fin dalla tenera età e ha lavorato incessantemente per trasformare la sua passione in una carriera di successo nell’industria musicale.

Angelo Branduardi Vita Privata

Nonostante si fosse diplomato in violino al Conservatorio di Genova a 16 anni, sentiva che questo non bastava e decise di intraprendere anche la carriera musicale come chitarrista.