Sveva Sagramola Malattia

Sveva Sagramola Malattia, Dopo essersi laureata in lettere, Sveva Sagramola ha continuato a lavorare come autrice televisiva. Il suo primo successo significativo è stata la creazione di Mixer, un programma di studi giornalistici diretto da Giovanni Minoli. Ha lavorato a una serie di rapporti e richieste per lo spettacolo, che ha curato.

Sveva Sagramola Malattia
Sveva Sagramola Malattia

La conduttrice di Geo discende da antenati argentini tramite sua madre e, di conseguenza, ha visitato spesso i suoi parenti in Argentina. Diego Dolce, l’uomo che sarebbe diventato suo marito, l’ha incontrata per la prima volta mentre era in viaggio d’affari in Italia. Le sue confessioni sono state fatte in un’intervista ed erano le seguenti:

La loro unica figlia, Petra, è nata nel 2010 da Sveva, allora 45enne al momento della sua nascita. È stato suggerito che Sveva avesse un taglio cesareo nonostante la sua età avanzata e il fatto che lei stessa abbia dichiarato in un’intervista che credeva che un taglio cesareo potesse essere stato necessario per evitare che il bambino nascesse naturalmente.

Il suo obiettivo di diventare madre, invece, si è concretizzato quando ha scelto di posticipare il taglio cesareo e ha dato alla luce una bambina sana e adorabile.

È una delle interviste più seguite delle conversazioni del primo pomeriggio di Rai 1 che si svolge in una cassettiera, in cui l’ospite della giornata si presenta al pubblico un cassetto alla volta.

Una delle interviste più seguite dello show è stata sicuramente quella di Francesco Pannofino, che ha ricevuto molta attenzione durante la sua seconda stagione.

I loro sentimenti reciproci all’inizio erano un po’ più incerti: “L’ho visto di nuovo durante il mio secondo viaggio quando avevo 30 anni, ma non è successo nulla”. Dopo una serie di fallimenti, mio ​​cugino Paolo mi ha ricollegato con Diego, che si era trasferito in Europa.

Sono stato in grado di alleggerire il mio umore e divertirmi ancora una volta con lui grazie ai suoi sforzi.

Sveva Sagramola Malattia
Sveva Sagramola Malattia

Dal 1998 è conduttore e uno degli autori della diretta pomeridiana di Rai 3 dedicata alla fauna e all’ecologia, che conduce dal 1998 e si chiama Geo&Geo. Dal 2013 Emanuele Biggi, fotografo naturalista, collabora con lei a progetti.

Hai anche creato una serie di documentari e storie per Geo & Geo da tutta l’Africa e dal mondo su importanti sfide umanitarie e ambientali nei paesi poveri, così come per altre reti.

Mentre lavorava come presentatrice e autrice per un programma notturno su Raitre nel 2011, si è tuffata nel reportage sull’umanità di Yann Arthus-Choral Bertrand, Six Billion Others, con interviste e riflessioni di personaggi di spicco del mondo della cultura, intitolato Six Billion Altri.

Geo è senza dubbio un simbolo della vita professionale di Sveva Sagramola, e la messa in onda in televisione serve a confermarlo. Gli spettatori sono stati portati in escursioni e attività che non tutti sarebbero stati in grado di vivere nella vita reale sin dall’inizio dello spettacolo nel 1998.

Inutile dire che il noto programma di Sveva include discussioni di ecologia e conservazione ambientale, come ci si aspetterebbe da un’emittente che tratta tali temi in un momento storico così. In effetti, hai prodotto quasi quaranta film in una varietà di luoghi in tutto il mondo, con un’enfasi particolare sull’Africa.

L’autrice di un popolare programma televisivo ha dimostrato di possedere il coraggio di viaggiare in alcuni dei luoghi più difficili e pericolosi del pianeta per assistere i bisognosi in ogni modo possibile, nonostante i pericoli che potrebbe affrontare. In definitiva, vuole risvegliare una cultura che è cresciuta indebitamente incentrata sull’individuo.

Sveva Sagramola Malattia

Quando ha lavorato come testimone per Amref Health Africa nel 1999, si è trovata di fronte a enormi disastri umanitari. È possibile avere una persona con la personalità di Sveva Sagramola al proprio fianco in una rissa?